Il Nostro Statuto

Articolo 1 - La Società Scientifica

1.1 - Le caratteristiche e gli scopi della Società
L'Associazione "SIMMESN, Società Italiana per lo studio delle Malattie Metaboliche Ereditarie e lo Screening Neonatale" - nel seguito denominata semplicemente "la Società" -, promuove la ricerca, lo sviluppo organizzativo, la qualità dell'assistenza, la collaborazione scientifica nell'ambito delle malattie metaboliche ereditarie e dello screening neonatale.
A tal fine riunisce tutti coloro che, con la loro partecipazione attiva, intendono perseguire gli scopi della Società.
La Società ha caratteristica interdisciplinare ed accetta fra i suoi Soci tutti gli operatori attivi nel campo di interesse della Società di qualsivoglia qualifica o figura professionale (vedi art. 3 - I soci).
La Società non ha finalità di lucro nè sindacali ed è espressamente vietata la retribuzione delle cariche sociali.
La Società persegue i suoi scopi attraverso:

  • la promozione della ricerca clinica, biochimica e genetica nei campi di interesse della Società;
  • la raccolta e la divulgazione di dati epidemiologici;
  • l'organizzazione di Congressi e riunioni scientifiche a livello nazionale ed internazionale;
  • lo scambio e divulgazione di documentazione e di informazioni scientifiche;
  • la collaborazione con Enti istituzionali ed altre Società scientifiche (vedi punto 1.5 - Collaborazioni);
  • la collaborazione con Associazioni di pazienti e famiglie;
  • l'organizzazione di eventi formativi per i Soci e per altri operatori del settore;
  • l'organizzazione di gruppi di studio e progetti collaborativi e il coordinamento di trial terapeutici;
  • la stesura e divulgazione di linee guida, protocolli diagnostici e terapeutici;
  • lo sviluppo ed armonizzazione di metodi di laboratorio nel campo delle malattie metaboliche ereditarie e nel campo dello screening in epoca neonatale e nelle età successive;
  • l'organizzazione di programmi controllo di qualità e di auditing;
  • ogni altra iniziativa consona agli scopi societari.

1.2 - La sede legale


La sede legale della Società è stabilita presso: Dipartimento di Scienze Pediatriche "Giovanni de Toni" dell'Università degli Studi di Genova, Istituto Gaslini, Largo G. Gaslini, 5.

1.3 - Sezioni


La Società può articolarsi, se necessario, in sezioni regionali o tematiche, su delibera dell'Assemblea Generale. In tal caso per ogni sezione il Consiglio Direttivo individua e nomina un Coordinatore che riferisce al Consiglio Direttivo ed all'Assemblea Generale. Il mandato del Coordinatore dura un triennio ed è rinnovabile.
Le sezioni possono organizzare autonomamente eventi scientifici e formativi solo se espressamente autorizzate dal Consiglio Direttivo.

1.4 - Collaborazioni


La Società collabora con il Ministero competente in materia di sanità pubblica, con le Autorità Sanitarie Regionali e locali ed altre Istituzioni interessate alla programmazione, gestione e verifica dell'attività sanitaria offrendo le sue specifiche competenze nel campo delle malattie metaboliche ereditarie e dello screening. La Società pu&ogreve; recepire attraverso il Consiglio Direttivo, dopo divulgazione capillare a tutti i soci e con relazione motivata, linee guida proposte da altre Società e/o gruppi di lavoro anche internazionali. La Società collabora con altre Società Scientifiche italiane o internazionali aventi analoghe finalità. A tale scopo può organizzare congiuntamente Congressi o altri eventi scientifici e inviare propri rappresentanti quando tale eventualità è prevista. I rappresentanti della Società sono nominati dall'Assemblea Generale su indicazione del Consiglio Direttivo e restano in carica per un triennio. Il mandato è rinnovabile per un ulteriore triennio. La Società riconosce la SSIEM (The Society for the Study of Inborn Errors of Metabolism) e la ISNS (International Society for Neonatal Screening) come Società Internazionali di riferimento.

1.5 - Gruppi di lavoro


La Società incoraggia la formazione di gruppi di lavoro tematici, anche a termine ed eventualmente in collaborazione con altre Società o ricercatori esterni.
I Soci che intendono costituire un Gruppo di Lavoro ne informano il Consiglio Direttivo e, dopo il suo assenso, provvedono a definirne gli obbiettivi, a nominare un Coordinatore ed un Segretario.
L'attività dei Gruppi di Lavoro è libera, purchè non in conflitto con gli interessi della Società.
I Gruppi di Lavoro relazionano alla Società in occasione del Congresso o dell'Assemblea Generale o a mezzo di documenti disponibili sul sito web della Società.
I gruppi di lavoro possono disporre di una propria pagina sul sito web della Società, in accordo con il Comitato Editoriale.

Articolo 2 - Gli organi sociali

Gli organi della Società sono il Presidente, l'Assemblea Generale ed il Consiglio Direttivo.
Sono previsti inoltre incarichi quali: il Vicepresidente, il Tesoriere ed il Segretario.

2.1 - Il Presidente


Il Presidente rappresenta la Società, presiede l'Assemblea Generale, il Consiglio Direttivo e le riunioni scientifiche della Società.
Il Presidente mantiene i rapporti con altre Società scientifiche italiane o internazionali, nei casi in cui non sia presente un rappresentante specifico.
Il Presidente è eletto a scrutinio segreto dall'Assemblea Generale e resta in carica per un biennio. Il mandato è rinnovabile per un ulteriore biennio.
Il presidente presenta annualmente all'Assemblea Generale una relazione sull'attività della Società.
Allo scopo di evitare conflitti di interesse, il Presidente non può far parte di Consigli Direttivi (o organismi analoghi) di altre Società Scientifiche italiane. Qualora si trovasse in questa condizione dovrà rinunciare all'incarico presso l'altra Società, pena la decadenza dalla posizione di Presidente. L'assemblea Generale è sovrana nel verificare l'applicazione di questa norma.
Il Presidente decade dalla sua carica per scadenza del mandato o per dimissioni motivate. Il Presidente può, inoltre, essere sfiduciato, per gravi motivi, dall'Assemblea Generale (a maggioranza semplice) o dai 2/3 dei membri del Consiglio Direttivo. In quest'ultimo caso, il Vicepresidente convoca un'Assemblea straordinaria che delibera in merito. Il Vicepresidente presiede ad interim la Società, fino all'elezione del nuovo Presidente.

2.2 - Il Vicepresidente


Il Vicepresidente è scelto a maggioranza semplice dal Consiglio Direttivo fra i suoi membri. Il Vicepresidente coadiuva il Presidente nel suo ruolo e lo sostituisce quando questi sia impossibilitato a svolgere le sue funzioni.
Convoca il Consiglio Direttivo e l'Assemblea Generale qualora il Presidente sia stato sfiduciato e indice la nuova elezione del Presidente.
Il mandato del Vicepresidente scade contestualmente al mandato di membro del Consiglio Direttivo.

2.3 - L'Assemblea Generale


L'Assemblea Generale è l'organo sovrano della Società. È composta da tutti i soci registrati alla data di convocazione.
L'Assemblea Generale si riunisce almeno due volte l'anno di cui una in occasione del Congresso o di altro evento scientifico, anche internazionale, a cui la Società partecipa.
Il Presidente convoca l'Assemblea Generale inviando ai Soci comunicazione contenente l'indicazione della sede, della data e l'ordine del giorno almeno 60 giorni prima della data della riunione. La convocazione può essere fatta anche a mezzo di posta elettronica e sito web.
L'assemblea è validamente costituita, in prima convocazione, con la presenza di almeno due terzi dei Soci aventi diritto al voto. In seconda convocazione è validamente costituita qualunque sia il numero dei Soci presenti.
Hanno diritto al voto i Soci in regola con il pagamento della quota sociale per l'anno in corso al momento dell'inizio della riunione dell'Assemblea Generale. I Soci impossibilitati a partecipare, purchè in regola con il pagamento della quota sociale, possono dare delega ad un altro Socio. La delega deve contenere il nome del delegante, quello del delegato e l'indicazione della sede e della data dell'Assemblea. Ogni Socio può rappresentare per delega un solo altro socio in via esclusiva.
Le attribuzione dell'Assemblea Generale sono le seguenti:

  • discute e delibera in merito ai punti all'ordine del giorno;
  • elegge il Presidente ed il Consiglio Direttivo;
  • approva la relazione annuale sull'attività della Società presentata dal Presidente;
  • approva il rendiconto consuntivo e il bilancio preventivo;
  • definisce l'ammontare della quota sociale per l'anno successivo;
  • affida l'organizzazione dei propri Congressi al Comitato organizzatore su proposta dal Consiglio Direttivo;
  • delibera in merito a eventuali modifiche statutarie;
  • può eventualmente sfiduciare il Presidente, un Consigliere o l'intero Consiglio Direttivo in carica;
  • decreta lo scioglimento della Società.

L'Assemblea Generale può essere convocata in via straordinaria su iniziativa di almeno 1/3 (un terzo) dei Soci regolarmente registrati. In tal caso la convocazione va inviata a tutti i soci a mezzo posta entro 60 giorni dalla data della riunione. L'Assemblea Generale straordinaria così convocata è presieduta dal Socio più anziano fra i convocanti.

2.4 - Il Consiglio Direttivo


Il Consiglio Direttivo è composto dal Presidente e da cinque membri eletti dall'Assemblea Generale.
I membri del Consiglio Direttivo restano in carica per un triennio; il mandato non è rinnovabile se non trascorso un ulteriore triennio .
Il Consiglio Direttivo nomina fra i suoi membri il Vicepresidente e il Tesoriere. Su proposta del Presidente, nomina il Segretario o ne rinnova il mandato.
Il Consiglio Direttivo amministra la Società, ne coordina l'attività, approva il bilancio consuntivo e preventivo, delibera in merito ai nuovi soci e fa parte di diritto del Comitato Scientifico del Congresso Annuale.
Il Consiglio Direttivo approva il rapporto scientifico e finanziario del Congresso Annuale redatto dal Comitato Organizzatore.
Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno due volte in un anno solare. Nel restante periodo dell'anno, qualora non sia possibile riunire il Consiglio Direttivo è possibile deliberare per via telematica.
Il Consiglio Direttivo delibera con voto favorevole della maggioranza semplice dei suoi membri. In caso di parità il voto del Presidente ha valore doppio.
Il Consiglio Direttivo può sospendere, per gravi motivi, il Presidente o un altro suo membro. In tal caso è richiesto il voto favorevole della maggioranza di almeno 2/3 (due terzi) dei membri. L'interessato deve astenersi dal voto.
I membri del Consiglio Direttivo decadono per scadenza del mandato, per dimissioni motivate o per sfiducia da parte del Consiglio Direttivo stesso o dell'Assemblea Generale.
Il Consiglio Direttivo può cooptare al suo interno uno o più soci in caso sia necessario ricoprire, fino alla successiva Assemblea Generale, una o più cariche resesi vacanti.
I rappresentanti della "SIMMESN, Società Italiana per lo studio delle Malattie Metaboliche Ereditarie e lo Screening Neonatale" presso altre Società partecipano alle riunioni del Consiglio Direttivo senza diritto di voto.
Il Consiglio Direttivo può invitare a partecipare alle sue riunioni, senza diritto di voto, i rappresentanti di altre Società Scientifiche.

2.5 - Il Tesoriere


Il Tesoriereè il depositario dei beni della Società, dei documenti contabili e raccoglie le quote annuali versate dai Soci. Viene nominato dal Consiglio Direttivo fra i suoi membri e resta in carica per un triennio.
Il tesoriere redige ogni anno, entro il mese di febbraio, il rendiconto consuntivo per l'anno trascorso ed il bilancio preventivo per l'anno in corso e li presenta al Consiglio Direttivo per l'approvazione. Entrambi i documenti, approvati dal Consiglio Direttivo, dovranno essere presentati dal Tesoriere all'Assemblea Generale per l'approvazione.
Il tesoriere, previa approvazione da parte dell'Assemblea Ge-nerale, potrà essere coadiuvato nella sua attività da persone e/o aziende competenti anche esterne alla Società.
Il mandato del Tesoriere scade contestualmente al mandato di membro del Consiglio Direttivo.

2.6 - Il Segretario


Il Segretario supporta l'attività del Presidente e del Consiglio Direttivo. È depositario dei documenti della Società diversi da quelli contabili. Mantiene aggiornato l'elenco dei Soci, cura la corrispondenza ed ogni altro rapporto fra Presidente, Consiglio Direttivo e Soci e redige i verbali delle riunione del Consiglio Direttivo e dell'Assemblea Generale.
Il Segretario è nominato dal Consiglio Direttivo su proposta del Presidente e rimane in carica fino all'elezione di un nuovo Presidente. È scelto fra i Soci, anche al di fuori del Consiglio Direttivo. In tal caso partecipa alle riunioni del Consiglio Direttivo senza diritto di voto.
Per ragioni di continuità e nell'interesse della Società, l'incarico di Segretario è rinnovabile.
Il Segretario relaziona annualmente all'Assemblea Generale su tutto ciò che concerne l'attività di segreteria.
Analogamente al Tesoriere, il Segretario, previa approvazione da parte dell'Assemblea Generale, potrà essere coadiuvato nella sua attività da persone e/o aziende competenti anche esterne alla Società.

Articolo 3 - I soci

Sono Soci ordinari della Società tutti coloro che, avendone fatta richiesta, sono accettati come tali dal Consiglio Direttivo e si impegnano a promuovere gli scopi societari ed a rispettare il presente Statuto. In caso di rifiuto di accettazione da parte del Consiglio Direttivo, il richiedente può ricorrere all'Assemblea Generale, inviandone specifica richiesta al Presidente.
I Soci ordinari sono tenuti al pagamento della quota sociale annuale, la cui entità è stabilita dall'Assemblea Generale.
L'iscrizione alla Società si intende illimitata nel tempo. Si decade dalla condizione di Socio per rinuncia motivata, per mancato pagamento della quota sociale per due anni solari consecutivi o per decisone motivata dell'assemblea generale. In caso di reiscrizione entro due anni dalla decadenza dovrà corrispondere l'ammontare delle quote non pagate.
Il Tesoriere invita i Soci morosi a regolarizzare la propria posizione; trascorsi due mesi dalla comunicazione il Socio si intende decaduto.
Tutti i Soci, a meno di quanto espressamente previsto per le cariche sociali, hanno lo stesso peso all'interno della Società senza distinzione di qualifica professionale, titolo di studio e/o accademico.
Possono fare richiesta di iscrizione alla Società tutti coloro che hanno interesse professionale e/o scientifico per le malattie metaboliche ereditarie e lo screening neonatale.
La domanda di iscrizione, redatta su apposito modulo, indirizzata al Presidente e debitamente firmata, deve contenere le firme di due Soci presentatori, essere accompagnata da un breve curriculum vitae ed inviata in originale al Segretario, che provvederà a trasmetterla al Consiglio Direttivo. Il Segretario comunicherà al richiedente il parere del Consiglio Direttivo e, in caso di accettazione della richiesta, le modalità per il pagamento della quota sociale. L'iscrizione alla Società decorre dal pagamento della quota per l'anno in corso.
L'Assemblea Generale può, in casi eccezionali e per gravi motivi, deliberare l'espulsione di un Socio per indegnità e/o comportamenti contrari agli scopi societari o lesivi dell'interesse della Società. La proposta deve essere avanzata dal Consiglio Direttivo e approvata da almeno i 2/3 dei partecipanti aventi diritto al voto.
L'Assemblea Generale, su proposta del Consiglio Direttivo può conferire il titolo di Socio Onorario a chi si sia distinto in modo particolare per un rilevante contributo alla vita ed all'interesse della Società o abbia ottenuto particolari risultati di eccellenza nel campo delle malattie metaboliche ereditarie e dello screening neonatale. Il Socio Onorario, gode di tutti i diritti del Socio ordinario ed è esentato dal pagamento della quota sociale.

Articolo 4 - Finanziamenti

La Società provvede al proprio finanziamento principalmente attraverso la quota sociale versata annualmente dai Soci ordinari.
L'entità della quota sociale annuale è definita dall'Assemblea Generale.
Sono esentati dal pagamento della quota sociale i Soci di età inferiore a 32 anni. Il pagamento della quota sociale sarà dovuto a partire dall'anno solare successivo al compimento del 32o anno.
La Società accetta come fonte di finanziamento eventuali lasciti o donazioni da persone fisiche, Enti, Società o Aziende in osservanza delle vigenti norme che regolano i rapporti fra Società Scientifiche ed Enti pubblici /privati. (con esclusione di finanziamenti che configurino conflitto di interesse con il Servizio Sanitario Nazionale anche se forniti attraverso soggetti collegati). Tali lasciti o donazioni non possono comportare obblighi di qualsiasi genere da parte della Società nei confronti del do nante. I finanziamenti espressamente destinati ad eventi o occasioni definite (a titolo esemplificativo: borse o premi di studio, organizzazione di corsi di istruzione,) possono essere utilizzati esclusivamente per tale scopo.

Articolo 5 - Il Congresso Annuale

Il Congresso della Società si svolge di norma con cadenza an-nuale, ad eccezione del caso in cui la Società partecipi nello stesso anno a Congressi o eventi internazionali sui temi di interesse della Società organizzati in Italia.
Il Congresso Annuale rappresenta il principale momento di incontro, confronto e crescita della Società ed è diritto/dovere di tutti i Soci prendervi parte attivamente.
L'organizzazione del Congresso viene affidata dall'Assemblea Generale ad un Comitato organizzatore di cui fanno parte di norma Soci che operano nella Regione ove si trova la sede del Congresso.
Il Consiglio Direttivo fa parte di diritto del Comitato Scientifico del Congresso. I restanti membri del Comitato Scientifico sono individuati di comune accordo dal Consiglio Direttivo e dal Comitato Organizzatore.
Il tema del Congresso viene individuato dal Comitato Scientifico che è altresì responsabile del programma e di ogni altro dettaglio inerente il contenuto scientifico.
Il Congresso Annuale può essere organizzato congiuntamente ad altre Società Scientifiche italiane o internazionali che condividano l'interesse per le malattie metaboliche ereditarie e lo screening neonatale.
In occasione del Congresso Annuale si svolge la Conferenza Nazionale sui Programmi di Screening in Italia e con lo scopo di raccolta di dati statistici ed epidemiologici in tema di screening neonatale e confronto fra tutte le realtà operanti sul territorio nazionale e di avanzamento dei programmi di screening neonatale.
L'organizzazione del Congresso deve prevedere un adeguato spazio, fisico e temporale, per lo svolgimento della riunione del Consiglio Direttivo e dell'Assemblea Generale.
Il Comitato Organizzatore redige, a Congresso avvenuto, un rapporto scientifico e finanziario che viene presentato per l'approvazione al Consiglio Direttivo in occasione della prima riunione utile del Consiglio stesso. Il rapporto viene messo a disposizione dei Soci.

Articolo 6 - Regolamento elettorale

6.1 - Convocazione


Le elezioni sono convocate dal Presidente mediante comunicazione scritta ai soci (anche mediante posta elettronica) almeno 60 (sessanta)giorni prima della data prevista. La convocazione deve contenere l'indicazione del luogo, della data e dell'ora di apertura del seggio elettorale, la sua durata, il tipo ed il numero di cariche da ricoprire.

6.2 - Elettorato attivo e passivo


L'elettorato attivo è composto da tutti i Soci iscritti da almeno sei mesi (alla data delle elezioni) in regola con il pagamento della quota sociale per l'anno in corso.
È possibile delegare l'esercizio del diritto di voto secondo le modalità previste dal superiore art. 2. Paragrafo 3.
L'elettorato passivo è composto da tutti i soci iscritti da almeno due anni per i componenti il Consiglio Direttivo e da almeno tre anni per l'elezione del Presidente. Gli eletti eventualmente non in regola con il pagamento della quota sociale per l'anno in corso devono regolarizzare la propria posizione entro 30 giorni, pena decadenza dalla carica elettiva.

6.3 - Candidature


I soci in possesso dei requisiti adatti ed in regola con il pagamento della quota associativa per l'anno solare precedente, possono inviare al Presidente, dopo convocazione delle elezioni ed entro il 30o (trentesimo) giorno precedente la data prevista, la propria o l'altrui candidatura per le cariche in scadenza. L'elenco delle candidature pervenute ed accettate dagli interessati sarà comunicato a tutti i soci a mezzo posta elettronica e/o comunicazione sul sito web.
Le candidature hanno scopo indicativo e non sono restrittive. In sede elettorale è possibile votare per qualunque socio abbia i requisiti richiesti, anche se questi non ha espresso in precedenza la propria candidatura.

6.4 - Preferenze


Per l'elezione del Presidente è possibile esprimere una sola preferenza.
Per l'elezione dei membri del Consiglio Direttivo, si possono esprimere un numero di preferenze pari al 50% (cinquanta per cento) degli eligendi, arrotondato all'intero superiore.
Risultano eletti i candidati che hanno ricevuto il maggior numero di preferenze.
In caso di parità fra due o più candidati risulta eletto il candidato più anziano in termini di iscrizione associativa; in caso di ulteriore parità risulta eletto il socio anagraficamente piUgrave; giovane.

6.5 - Dimissioni


In caso di dimissioni di un Consigliere prima della scadenza del mandato, gli subentra, per il periodo restante, il primo dei non eletti nell'ultima votazione effettuata.

Articolo 7 - Pubblicazioni e Sito web

7.1 - Pubblicazioni


La Società si riserva il diritto di pubblicare ogni elaborato ritenuto rilevante e congruo ai suoi scopi. Eventuali pubblicazioni saranno disponibili in modo preferenziale per i Soci. Il contenuto delle pubblicazioni è di proprietà della Società salvo quanto diversamente pattuito con l'editore.

7.2 - Sito web


Il sito web della Società è gestito e mantenuto da un Comitato Editoriale nominato dal Consiglio Direttivo e composto da tre membri: il Segretario della Società ed altri due membri, uno dei quali componente del Consiglio Direttivo. Il Comitato Editoriale nomina al suo interno il "Webmaster". Il Comitato Editoriale decade contestualmente al consiglio Direttivo. L'incarico di "Webmaster" è rinnovabile.
Il sito web costituisce un importante elemento di visibilità della Società e di divulgazione dei suoi scopi, delle sue attività e della sua produzione scientifica.
Costituisce, inoltre un utile strumento di informazione per i Soci.
Il sito web deve prevedere un'area riservata ai soci, protetta da password in cui siano disponibili l'elenco dei Soci, i verbali, le comunicazioni ed i documenti interni alla Società. La password di accesso è strettamente riservata ai Soci ed è fatto espresso divieto di comunicarla a terzi. Le modalità ed i tempi di modifica della password sono decisi dal Comitato Editoriale in accordo con il Consiglio Direttivo.

Articolo 8 - Modifiche statutarie e scioglimento della Società

Le modifiche al presente statuto devono essere deliberate dall'Assemblea Generale , validamente costituita con la presenza di almeno 3/4(tre quarti) dei soci, con il voto favorevole di almeno 2/3 (due terzi) dei presenti.
Lo scioglimento della Società può essere deliberato esclusivamente dallAssemblea Generale con il voto favorevole di almeno 3/4 (tre quarti) degli associati aventi diritto di voto.
In caso di scioglimento della Società, i beni della Società stessa sono devoluti secondo delibera dell'Assemblea Generale, ai sensi e per gli effetti dell'art. 21 del Codice Civile. È esclusa, in ogni caso, la ripartizione del patrimonio residuo fra i Soci.

Conforme al testo registrato a Genova il 21 luglio 2009.